Primi
Primi 60

Ravioli squacquerone e prosciutto cotto  Difficoltà:   Media
Impastare la farina con le uova e l'olio. Stendere la pasta e ricavare delle strisce. Prendere una striscia di pasta e porre a mucchietti un ripieno di squacquerone e metà del prosciutto cotto tritato, precedentemente mescolati. Spennellare i bordi con acqua, quindi chiudere e tagliare. Pulire e affettare i funghi, rosolarli con olio e aglio, salare ed unire il prosciutto cotto a striscioline. Cuocere i ravioli (5’ circa) scolarli e saltarli in padella con i funghi, parmigiano grattugiato e prezzemolo tritato. Vino consigliato Trebbiano di Ro­magna. Giallo paglierino tendente al dorato,profumo delicato tenue e vinoso dal sapore asciutto, fresco, sapido ed armonico.
Vai alla ricetta
Ravioli di ricotta alla paprika  Difficoltà:   Media
Impastare la farina con l'acqua. Stendere la pasta e ricavare delle strisce. Porre in ogni striscia un mucchietto di ripieno fatto con un impasto di ricotta, paprika, sale e pepe. Sovrapporre un’altra striscia, chiudere e tagliare. Sbollentare i fagiolini spuntati e saltarli in padella con olio, aglio, alloro e luganica a pezzetti. Cuocere il tutto per 10’. Preparare una fonduta con parmigiano, panna e tuorlo sciolti in padella per 2 minuti. Cuocere i ravioli (3’- 4’ circa), scolarli e mantecarli in padella per 3’ insieme alla fonduta e ai fagiolini. Vino consigliato Cortese dei Colli Tortonesi. Giallo paglierino profumo delicato gradevolmente fruttato, sapore secco, fresco con un leggero amaro di mandorla.
Vai alla ricetta
Gnocchi al latte con salsa al gorgonzola  Difficoltà:   Media
Fare bollire il latte, aggiungere la farina un po' alla volta, mescolando affinchè non si formino grumi. Salare, pepare e fare addensare. Formare dei rotolini e tagliare a pezzetti. Con l'impasto ottenuto formare degli gnocchi. Farli cuocere in acqua bollente salata e raccoglierli con una schiumarola quando vengono a galla. In un tegamino fare sciogliere il gorgonzola con la panna e profumare con la cannella. Unire gli gnocchi e farli saltare alcuni minuti prima di servirli ben caldi. Vino consigliato: Barbera d’Asti vivace. Rosso rubino inteso con schiuma vivace odore vinoso, sapore asciutto, fresco ma gradevole.
Vai alla ricetta
Gnocchi di semolino al taleggio  Difficoltà:   Media
Portare a ebollizione il latte con il burro, il sale e la noce moscata; aggiungere a pioggia il semolino e fare addensare. Lontano dal fuoco incorporarvi il tuorlo e il parmigiano; stendere la polentina ottenuta su un piano e ricavare dei dischetti. Disporre i dischetti ottenuti in una pirofila imburrata, farcirli col taleggio a fettine e infornare a 200° per 7’. Vino consigliato Gavi di Gavi. Colore giallo paglierino tendente al verdolino Pro­fumo gradevolmente fruttato e sapore asciutto e corposo con retrogusto appena ama­rognolo.
Vai alla ricetta
Omelette apparente  Difficoltà:   Media
Grattugiare il parmigiano. Scaldare un padellino antiaderente, versare una cucchiaiata di parmigiano e farlo fondere. Rivoltare la frittatina e finire di cuocere, controllando che non si attacchi. Dopo qualche minuto sformare la frittatina e aspettare che si intiepidisca. Porla su un tagliere. Farcire con i fagiolini sbollentati e tagliati, quindi chiudere come una omelette. Servire con pomodori a fette. Vino consigliato: Frascati Bianco, vino non impegnativo ma con personalità; profumi floreali leggeri. Gu­sto secco con morbidezza riconoscibile dalla presenza di uve Malvasia.
Vai alla ricetta
Omelette apparente  Difficoltà:   Media
Grattugiare il parmigiano. Scaldare un padellino antiaderente, versare una cucchiaiata di parmigiano e farlo fondere. Rivoltare la frittatina e finire di cuocere, controllando che non si attacchi. Dopo qualche minuto sformare la frittatina e aspettare che si intiepidisca. Porla su un tagliere. Farcire con i fagiolini sbollentati e tagliati, quindi chiudere come una omelette. Servire con pomodori a fette. Vino consigliato: Frascati Bianco, vino non impegnativo ma con personalità; profumi floreali leggeri. Gu­sto secco con morbidezza riconoscibile dalla presenza di uve Malvasia.
Vai alla ricetta
Crêpes di quenelles  Difficoltà:   Media
Affettare le zucchine e il porro quindi brasare con un po’ di burro. Spolverarli con un cucchiaio di farina e quindi aggiungere latte, sale e pepe. Fare addensare leggermente. Aggiungere al composto ormai compatto e omogeneo e leggermente raffreddato, le uova. Preparare una pastella con la restante farina, un tuorlo d'uovo e poco latte e cuocere le crêpes in una padella antiaderente. Fare delle quenelles ed avvolgerle nelle crepes. Infornare a 150° le crepês per 10’ e servire con scorza di limone grattugiata e parmigiano. Vino consigliato Orvieto classico, vino molto raffinato e versatile, possiede una piacevole acidità e una grande morbidezza.
Vai alla ricetta
Tagliatelle ai porcini  Difficoltà:   Media
Tritare finemente i porcini e mescolarli alla farina di grano e a quella di semola; impastare con uovo, acqua, e sale,un cucchiaio d'olio. Stendere la pasta, lasciarla riposare leggermente, arrotolarla e ricavare delle tagliatelle. Scottare senz'olio in padella i cipollotti affettati, aggiungere i pomodori pelati, un mestolo di acqua calda, sale e pepe ed uno spicchio d'aglio pestato. Aggiungere la scarola tagliata grossolanamente, l'olio, e quindi stufare per 5‘. Cuocere le tagliatelle (2’-3’circa), scolarle e matecarle in padella con parmigiano, basilico e prezzemolo tritati. Vino consigliato: Vino consigliato: Lagrein Dunkel. Prodotto con uve del vitigno omonimo, è di colore rubino intenso, dal profumo moderatamente vinoso caratteristico, piacevole, sapore asciutto e fresco.
Vai alla ricetta
Tagliolini ai funghi pioppini broccoli e fiori di zucca  Difficoltà:   Media
Unire farina, semola di grano duro, uova e sale. Stendere la sfoglia, lasciarla riposare leggermente, arrotolarla e ricavarne con un coltello affilato dei tagliolini della larghezza di 2-3 mm. In una padella rosolare olio, uno spicchio d'aglio e della cipolla tritata; unire i funghi tagliati, aggiungere le cime dei broccoli precedentemente sbollentati, sfumare con il vino bianco e portare a cottura. Cuocere la pasta (2’ circa), scolarla e mantecarla in padella con le verdure, il parmigiano grattugiato ed i fiori di zucca spezzettati. Vino consigliato: Vino consigliato: Est Est Est, vino tipico del Lazio con caratteristiche semplici. Ha aromi di frutta non molto persistenti; al gusto ha una leggera acidità ed è sostanzialmente leggero.
Vai alla ricetta
Tagliatelle di verza su vellutata di parmigiano  Difficoltà:   Media
Preparare una pastella con farina, acqua e olio. Versare a cucchiaiate, in una padella antiaderente, a formare delle cialde. A parte sbollentare le foglie di verza, tagliarle a listarelle e saltarle in padella. Fare addensare in un tegame, a fuoco dolce, parmigiano, panna, burro, sale e pepe. Servire la verza con la vellutata, accompagnata dalle cialde. Vino consigliato: Vino consigliato: Traminer aromatico Aquileia. Colore giallo paglierino carico con profumi abbastanza ampi di fiori e di frutta; corpo robusto, gusto secco e aromatico.
Vai alla ricetta

Pagina 3 di 5
2018-01-19 19:00:16
Elite Pet è il tuo supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici. Ti offriamo una vasta scelta di prodotti food ed accessori destinati ai tuoi animali perché ci prendiamo cura delle tue esigenze e quelle di chi ti sta a cuore. In un ambiente comodo e familiare ti sentirai coccolato, guidato e informato ...
Il ristorante Elite è un luogo accogliente che propone diversi menu a base di carne, pesce e pizza, dove poter trascorrere del tempo per un pranzo di lavoro oppure con la famiglia. Il ristorante dispone di una terrazza estiva e di un’ampia sala per eventi utile per cene aziendali, battesimi, comunioni, cresime e matrimoni.
Il Grand Hotel Elite, un Hotel tre stelle di categoria superiore, si compone di 2 suites, 65 camere insonorizzate, realizzate nel piú delicato stile classico, dove passato, presente e futuro sono armoniosamente uniti a delineare l'eleganza e la sobrietá della struttura, immersa nella quiete di un luogo distante dal frastuono della cittá. Molti anni ...
Il caffè Elite nasce nel Gennaio del 2007 in via Appia Nuova al n.486. Non è possibile raccontare la storia di questo locale, peraltro piuttosto breve, senza riallacciarsi a quella della Super Elite, azienda madre che ha al suo attivo una trentina di supermercati tutti ubicati nella Capitale. La ricerca del servizio accurato, della ...