Sì viaggiare... 

Ma senza spendere inutilmente. Ecco i consigli virtuosi per imparare a guidare in modo risparmioso e per mettere l’automobile in condizioni di rendere al meglio con i minori consumi

Ecco come ridurre al minimo l’impatto economico e ambientale dei viaggi in auto secondo i consigli di Legambiente e di Eni che hanno messo a punto dei prontuari dedicati al risparmio energetico e alla riduzione di emissioni inquinanti.

PRIMA DI PARTIRE
Controllare la pressione degli pneumatici
Ecco un’operazione che andrebbe fatta almeno una o due volte al mese ma che diventa indispensabile prima di lunghi trasferimenti. Una pressione inferiore a quella ottimale può far aumentare i consumi di carburante fino al 4% e in più riduce l’aderenza e la tenuta di strada, la reattività in frenata e la durata degli pneumatici. Il controllo deve essere fatto con l’apposito manometro, a macchina fredda (appena partiti o entro i primi 3 chilometri di percorso) o dopo aver lasciato la macchina spenta per una quindicina di minuti. In caso di macchina molto carica, considerate inoltre che è consigliabile una pressione leggermente superiore a quella indicata dalla casa automobilistica (circa lo 0,2-0,3 bar in più di quanto scritto sul libretto)

Controllare l’olio e i filtri
Anche un corretto livello dell’olio e il suo stato ha una certa importanza come pure lo stato dei filtri. In genere per le auto moderne un lubrificante tradizionale va cambiato ogni 10.000-15.000 km e il cambio olio è l’occasione ideale per verificare ed eventualmente sostituire filtro olio e quelli dell’aria e del carburante. Oltre ai consumi, si riducono le emissioni di CO2.

Valutare bene i carichi
Ogni 20 chili di peso comportano un extraconsumo dello 0,5%. A maggior ragione se si rende necessario montare il portapacchi: se occorre disporre bagagli sul tetto, comunque, conviene porre i più bassi avanti nel senso di marcia,meglio se negli appositi contenitori aerodinamici. L’extraconsumo di carburante varia anche in funzione della velocità. Importante inoltre, se una volta arrivati a destinazione si è soliti prendere l’auto per gli spostamenti quotidiani, è fare il piccolo sforzo di smontare e riporre il portapacchi fino al momento del ritorno, perché anche vuoto causa consumi maggiorati di circa il 10%.

IN VIAGGIO
Moderare la velocità
In autostrada un’andatura di 110 km/h anziché di 130 fa risparmiare fino al 35% di carburante, e la durata del viaggio aumenta di soli 8 minuti ogni 100 chilometri di percorso. Per ogni autoveicolo esiste una velocità che si definisce “velocità economica”, che corrisponde circa ai 2/3 della velocità massima (in genere intorno agli 80 km/h) Ma è sopra i 110 orari che la curva dei consumi subisce un’impennata.

Non eccedere con l’aria condizionata
La climatizzazione rende sicuramente meno spossanti i lunghi trasferimenti sotto il solleone, però sottrae anche energia al motore causando, a parità di altri parametri, un aumento dei consumi. Si calcoli un 2% di consumo in più per ogni grado di temperatura in meno tra interno ed esterno dell’auto.

Prediligi una guida rilassata e “lunga”
Evitare frenate o accelerazioni brusche e cercare di anticipare la dinamica del traffico, prevenendo i rallentamenti,consente di ridurre il consumo del carburante di circa il 10%. In frenata buona parte dell’energia è persa in attriti meccanici; nelle accelerazioni è richiesto un dispendio extra di energia per spingere il motore. Mantenere una velocità costante anche nella guida in città, anticipando la dinamica del traffico, ti permette di risparmiare dal 10% al 25% di carburante.

Utilizzare le marce alte
Inserendo le marce più alte quando le condizioni lo consentono si può risparmiare circa il 10% di carburante per ogni tragitto. A parità di velocità, si consuma di più utilizzando una marcia bassa che una marcia alta. Il motore a benzina dovrebbe viaggiare sempre tra i 1.500 e i 2.500 giri al minuto,il diesel tra i 1.300 e i 2.000 giri al minuto. Pertanto quando il motore raggiunge 2.000 giri (per un diesel),oppure 2.500 giri (per un benzina) è consigliabile passare a una marcia più alta, mentre solo quando scende a 1.300/1.500 giri al minuto va scalata la marcia al livello inferiore.

2018-01-18 09:41:36
Elite Pet è il tuo supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici. Ti offriamo una vasta scelta di prodotti food ed accessori destinati ai tuoi animali perché ci prendiamo cura delle tue esigenze e quelle di chi ti sta a cuore. In un ambiente comodo e familiare ti sentirai coccolato, guidato e informato ...
Il ristorante Elite è un luogo accogliente che propone diversi menu a base di carne, pesce e pizza, dove poter trascorrere del tempo per un pranzo di lavoro oppure con la famiglia. Il ristorante dispone di una terrazza estiva e di un’ampia sala per eventi utile per cene aziendali, battesimi, comunioni, cresime e matrimoni.
Il Grand Hotel Elite, un Hotel tre stelle di categoria superiore, si compone di 2 suites, 65 camere insonorizzate, realizzate nel piú delicato stile classico, dove passato, presente e futuro sono armoniosamente uniti a delineare l'eleganza e la sobrietá della struttura, immersa nella quiete di un luogo distante dal frastuono della cittá. Molti anni ...
Il caffè Elite nasce nel Gennaio del 2007 in via Appia Nuova al n.486. Non è possibile raccontare la storia di questo locale, peraltro piuttosto breve, senza riallacciarsi a quella della Super Elite, azienda madre che ha al suo attivo una trentina di supermercati tutti ubicati nella Capitale. La ricerca del servizio accurato, della ...