Dolci
Dolci 23

Bavaresi mignon alle Pere e Caffè  Difficoltà:   Facilissima
Scolate le pere dallo sciroppo tenendo quest’ultimo da parte, quindi misuratene 2 dl e frullatelo con i 2 terzi delle pere. Ammorbidite la gelatina in acqua fredda, strizzatela, scioglietela in 2 cucchiai di acqua calda e incorporatela al puré di pere insieme alla panna, prima montata con lo zucchero a velo. Sciogliete il caffè in 2 dl d’aqua calda, aggiungete lo sciroppo di zucchero e immergetevi i savoiardi tagliati a metà nel senso della larghezza comprimendoli per far uscire il liquido in eccesso: con essi foderate il fondo e i bordi di 4 fascette di metallo del diametro di 10 cm, appoggiate il tutto sui piattini individuali. Distribuite all’interno degli stampi il composto alle pere e mettete in frigo per 2 ore a solidificare. Estraete le bavaresi, decoratele con le pere rimaste e servite. Vino consigliato: La dolcezza della frutta e la nota amarognola del caffè si armonizzano con un vino amabile come un Malvasia del Piemonte.
Vai alla ricetta
Crema al Limone  Difficoltà:   Facilissima
Fate fondere il burro in un polsonetto a bagnomaria, unite il succo e la scorza grattugiata dei limoni, lo zucchero e le uova. Mescolate per amalgamare perfettamente il tutto e, continuando a mescolare con una frusta, fate cuocere la crema finché risulterà piuttosto densa. Togliete il recipiente dal bagnomaria e filtrate la crema ancora calda passandola attraverso un colino a maglie fitte: lasciatela raffreddare, mescolando di tanto in tanto, e incorporatevi la crema pasticcera. Amalgamate bene, distribuite la crema in coppette di vetro e mettete in frigo. Prima di servire decorate con rondelle e scorzette di limone. Vino consigliato: Con i dolci a base di ingredienti aciduli, il vino deve essere amabile ma non troppo dolce. Come un Asti spumante, ideale per i brindisi a fine pasto.
Vai alla ricetta
Sigarette alla crema di mandorle e prugne al marsala  Difficoltà:   Media
Affettare le prugne e farle caramellare in padella con lo zucchero di canna; sfumare con il marsala e ridurre la salsa. Frullare zucchero, mandorle, burro tuorlo d'uovo fino ad ottenere un impasto morbido. Stendere la pasta e tagliare delle strisce sulle quali spalmare l'impasto ottenuto. Rollare le strisce e infornare a 180° per 3’. Servire con le prugne al marsala e la salsa precedentemente preparata. Vino consigliato: Vino consigliato: Bianco di Scandiano frizzante, dal colore paglierino con odore aro­matico, sapore dolce e fresco. Ar­mo­nizza molto bene con dolci a base di frutta.
Vai alla ricetta
Pesche al marsala  Difficoltà:   Media
Fare un trito di pinoli, noci e mandorle. Sbucciare e snocciolare la pesca quindi tagliarla a metà. Farcire internamente le due metà con il trito di pinoli, noci e mandorle, quindi ricoprirle con uno sciroppo ottenuto con lo zucchero di canna sciolto a caldo con del marsala. Finire la cottura a 200° nel forno per 10’. Servire cospargendo con zucchero a velo. Vino consigliato: Vino consigliato: Moscato d'Asti, dal profumo caratteristico e fragrante, con sapore dolce e aromatico.
Vai alla ricetta
Spuma di pesca e mascarpone  Difficoltà:   Media
Pelare la pesca e tagliarla a spicchi. Far caramellare lo zucchero in padella, aggiungere gli spicchi di pesca e flambare col cognac. Aggiungere uno stecchetto di vaniglia, fare restringere il caramello e lasciare intiepedire. Eliminare la vaniglia, quindi frullare unitamente con il mascarpone. Mettere in frigo a raffreddare. Amalgamare gli ingredienti per le frappe ottenendo un composto omogeneo. Colar­lo a fili nell'olio bollente per ottenere le frappe, scolarle e spolverarle con zucchero e cannella. Togliere dal frigo la spuma di pesca, formare delle praline e servire con le frappe. Vino consigliato: Vino consigliato: Moscato Fior d’Arancio. Giallo paglierino dorato. Odore marcatamente aromatico di frutta candita. Sapore dolce di buona struttura ma ben equilibrato.
Vai alla ricetta
Spuma di pesca e mascarpone  Difficoltà:   Media
Pelare la pesca e tagliarla a spicchi. Far caramellare lo zucchero in padella, aggiungere gli spicchi di pesca e flambare col cognac. Aggiungere uno stecchetto di vaniglia, fare restringere il caramello e lasciare intiepedire. Eliminare la vaniglia, quindi frullare unitamente con il mascarpone. Mettere in frigo a raffreddare. Amalgamare gli ingredienti per le frappe ottenendo un composto omogeneo. Colar­lo a fili nell'olio bollente per ottenere le frappe, scolarle e spolverarle con zucchero e cannella. Togliere dal frigo la spuma di pesca, formare delle praline e servire con le frappe. Vino consigliato: Vino consigliato: Moscato Fior d’Arancio. Giallo paglierino dorato. Odore marcatamente aromatico di frutta candita. Sapore dolce di buona struttura ma ben equilibrato.
Vai alla ricetta
Parfait allo zabaione  Difficoltà:   Media
Preparate la meringa con gli albumi e 250 g di zucchero a velo. Mettete in una casseruola i tuorli, l’acqua, il marsala e lo zucchero semolato,ponetela in una pentola più grande con acqua e scaldate sul fuoco a bagnomaria lavorando ininterrottamente con le fruste elettriche fino a ottenere uno zabaione piuttosto corposo. Togliete dal fuoco e continuate a lavorare con le fruste fino a completo raffreddamento. Incorporate prima il composto da meringa e poi la panna montata ben soda. Amalgamate bene e versate in uno stampo che trasferirete in freezer per almeno 8 ore. Al momento di servire, immergete rapidamente lo stampo in acqua calda e versate il parfait sul piatto di portata . Decorate a piacere e servite.
Vai alla ricetta
Pere al vino  Difficoltà:   Facile
Quando portate a casa il gelato, prima di metterlo in frigo, spolverizzatelo abbondantemente di cannella e mescolate fino a che si è ben distribuita. Incidete le pere con un cavatorsoli partendo dal fondo e arrivando a 2/3 circa del frutto. Il torsolo deve restare al suo posto, ma così sarà più facile staccarlo una volta in tavola. Sbucciate le pere e disponetele in piedi in una casseruola a bordi alti. Versateci lo zucchero, il vino e uno o due bicchieri d’acqua.
Vai alla ricetta
Crema d'uovo nell'uovo  Difficoltà:   Facile
Togliete gli ovetti di cioccolato dalla carta, metteteli nei portauovo e apriteli asportando la calottina superiore superiore. Montate i tuorli con lo zucchero fino a renderli chiari e spumosi, incorporate il rum e il mascarpone e lavorate fino ad ottenere una crema liscia. Aiutandovi con 2 cucchiaini fate scendere un poco di crema in ogni uovo, tagliate la banana a fettine e distribuitela, mettete in ogni ovetto la sua calottina di cioccolato a pezzetti. Distribuite la restante crema negli ovetti e teneteli in frigorifero vino al momento di servire.
Vai alla ricetta
Pagina 2 di 2
2018-01-18 09:34:34
Elite Pet è il tuo supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici. Ti offriamo una vasta scelta di prodotti food ed accessori destinati ai tuoi animali perché ci prendiamo cura delle tue esigenze e quelle di chi ti sta a cuore. In un ambiente comodo e familiare ti sentirai coccolato, guidato e informato ...
Il ristorante Elite è un luogo accogliente che propone diversi menu a base di carne, pesce e pizza, dove poter trascorrere del tempo per un pranzo di lavoro oppure con la famiglia. Il ristorante dispone di una terrazza estiva e di un’ampia sala per eventi utile per cene aziendali, battesimi, comunioni, cresime e matrimoni.
Il Grand Hotel Elite, un Hotel tre stelle di categoria superiore, si compone di 2 suites, 65 camere insonorizzate, realizzate nel piú delicato stile classico, dove passato, presente e futuro sono armoniosamente uniti a delineare l'eleganza e la sobrietá della struttura, immersa nella quiete di un luogo distante dal frastuono della cittá. Molti anni ...
Il caffè Elite nasce nel Gennaio del 2007 in via Appia Nuova al n.486. Non è possibile raccontare la storia di questo locale, peraltro piuttosto breve, senza riallacciarsi a quella della Super Elite, azienda madre che ha al suo attivo una trentina di supermercati tutti ubicati nella Capitale. La ricerca del servizio accurato, della ...