Dolci
Dolci 23

Torta di nocciole  Difficoltà:   Facile
Lavorare i tuorli con lo zucchero finché diverranno bianchi e spumosi. Unire poco per volta il burro fuso, la farina, il lievito, le nocciole tritate e le scaglie di cioccolato. Montare gli albumi a neve e unirli delicatamente al composto. Versare il tutto in una teglia, precedentemente unta di burro e cosparsa di zucchero, e cuocere in forno caldo a 180° per circa mezz’ora. Quando la torta sarà raffreddata, cospargere la superficie con lo zucchero a velo. Si accompagna bene a zabaione o crema chantilly.
Vai alla ricetta
Frittelle mele e cannella  Difficoltà:   Facile
Sbattere le uova con il latte e aggiungere gradatamente la farina, 2 cucchiaini di zucchero a velo, il marsala e un pizzico di sale, fino ad ottenere un composto omogeneo. Sbucciare, affettare le mele e farle saltare in padella con il burro e 1 cucchiaio di zucchero, fino a che non saranno tenere e caramellate. Unire le mele al composto precedentemente preparato, aggiungendo 2 cucchiai di zucchero e la cannella. Scaldare in una padella l’olio per la frittura e immergervi l’impasto a cucchiaiate facendolo ‘gonfiare’ e dorare. Scolare le frittelle su carta assorbente, spolverarle di zucchero a velo e servirle calde.
Vai alla ricetta
Frutta al cubo  Difficoltà:   Facile
Lavate e eliminate la parte verde delle fragole. Tagliatele a forma di cubo e rendetele simili fra loro. Fatene qualcuno in più per ogni evenienza. Tenete da parte i pezzi rimasti, serviranno per la salsa. Procedete con la mela tagliando dei cubi della stessa grandezza. Strofinate i pezzetti di mela con il limone per evitare che anneriscano. Preparate con lo stesso procedimento i cubotti di kiwi. Per la salsa: passate ora al mixer i pezzetti di fragola rimasti, con l’aggiunta di 2 cucchiaini di zucchero e qualche goccia di limone: servirà a dare più sapore e a mantenere il colore rosso vivo. Frullate sino a rendere il tutto spumoso. Per creare la farfalla: avendo cura di lasciare il picciolo, dividete in due metà diseguali una mela. Tagliate una fettina dello spessore di 2 mm circa, lasciando il picciolo attaccato alla parte da lavorare. Bagnate con limone per evitare che annerisca. Dividete il picciolo in due parti per dare forma alle antenne della farfalla e per definire le ali tagliate un angolo per lato. Per creare la vostra frutta al cubo: sistemate i pezzi di frutta uno sull’altro, alternando i colori. Per finire, servendovi di uno stecchino da cocktail, infilate la farfalla di mela e una fragola gigante (tagliata a metà) nella composizione di frutta. Decorate il piatto da portata con la salsa di fragole. L’entusiasmo che otterrete sarà ovviamente “al cubo”!
Vai alla ricetta
Banane flambé  Difficoltà:   Facile
Spremete l’arancia, mettete in una padella in rame stagnato il burro e fatelo fondere, unite lo zucchero e fate cuocere fino a che inizia a prendere colore, quindi unite il succo d’arancia filtrato e togliete dal fuoco. Pelate le banane e tagliatele a fettine a becco di flauto, in modo che le fette risultino allungate, disponetele nella padella e lasciate intiepidire. Quindi rigirate le fettine aiutandovi con le dita e disponendole a cerchi concentrici. Al momento di servire scaldate per 5’, irrorate con il rum e incendiate. Potrete portare in tavola la padella che ancora brucia. Servite ben caldo, accompagnando con gelato alla crema e col fondo di cottura.
Vai alla ricetta
Bagel classici  Difficoltà:   Media
Scaldate il latte, metterlo in una ciotola con lo zucchero e il burro e mescolate. Unite l’albume leggermente battuto (tenendo da parte il tuorlo), il sale e le farine. Amalgamare bene poi trasferire sulla spianatoia infarinata e lavorare per 20’ circa. Trasferire l’impasto in una ciotola, coprire con pellicola e lasciate lievitare per 40’ in luogo caldo e asciutto. Quando la pasta avrà raddoppiato il suo volume, rimettetela sulla spianatoia, sgonfiatela e dividetela in 20 parti. Formate delle pallotte, foratele con un dito e fatele roteare intorno a questo in modo da allargare un po’ è il buco. Disponetele sulla spianatoia e lasciate lievitare per 20’ circa. Scaldate il forno a 200 °C e mettete sul fuoco una pentola con abbondate acqua. Quando l’acqua sobbolle, immergetevi le ciambelline poche alla volta e fatele cuocere 30’ per lato. Scolatele su un canovaccio. Trasferite le ciambelle sulla placca foderata con carta da forno, spennellatele con il tuorlo d’uovo e un goccio di latte e guarnite a piacere. Cuocete in forno per 20’.
Vai alla ricetta
Tortelli di marmellata  Difficoltà:   Media
Mescolate lo zucchero con la farina poi versate sulla spianatoia, formate la fontana e mettetevi al centro il burro ammorbidito a temperatura ambiente e le uova; unite il liquore e la buccia di limone grattugiato, la bustina di vanillina e il lievito. Lavorate il tutto fino ad ottenere una pasta soda: se fosse troppo asciutta aggiungete un po’ di vino bianco. Lavorate la pasta energicamente per qualche minuto, quindi stendetela con il mattarello in una sfoglia univa. Con l’aiuto di un tagliapasta o di un bicchiere, ricavate tanti cerchi, adagiate su ogni cerchio un po’ di marmellata e poi ripiegate il cerchio a mezzaluna premendo bene ai bordi per non far uscire la marmellata durante la cottura. Schiacciate i bordi con i rebbi di una forcchetta per meglio sigillare e per creare un motivo decorativo. Disponete i tortelli su una placca da forno e poi cuoceteli in forno a 180° per 20 minuti circa. Levateli dal forno, cospargeteli di zucchero a velo e servite. Vino consigliato: Un classico spumante come il Trebbiano di Romagna, dal gusto fresco e morbido, o una Bonarda spumante dolce.
Vai alla ricetta
Baci di dama alle mandorle  Difficoltà:   Facile
Mettete le mandorle in un mixer insieme allo zucchero e tritatele fino a ridurle in farina. Versate il composto sul piano di lavoro, unite la farina e mescolate in modo da ottenere un composto leggermente granuloso. Unite il burro ammorbidito a temperatura ambiente e lavorate il composto fino ad ottenere un impasto sodo. Formate delle palline grosse come una noce e man mano che sono pronte adagiatele su una teglia da forno coperta di carta forno, distanziandoli leggermente. Cuocete in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Levateli dal forno appena pronti e lasciateli raffreddare. A parte sciogliete il cioccolato ponendolo in un pentolino a bagnomaria, mescolate con un a spatola finché il cioccolato sarà completamente fuso. Accoppiate i biscottini a due a due mettendo in mezzo un po’ di cioccolato, lasciateli riposare finché il cioccolato raffreddando si indurisca e li unisca. Vino consigliato: Ottimo un vino rosso da dessert come il Bracchetto o un spumante d'Asti, dolce e aromatico.
Vai alla ricetta
Pettole in salsa di cioccolato  Difficoltà:   Media
Mettete la farina in una ciotola, sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, mescolate lo zucchero alla farina, aggiungete un pizzico di sale, poi unite lavorando bene l’acqua con il lievito. Lavorate energicamente la pasta fino a renderla un po filante. Lasciate riposare in luogo tiepido finché avrà raddoppiato il volume. Nel frattempo sciogliete il cioccolato in un pentolino con la panna, mescolando sempre finché si sarà definitivamente sciolto. Levate dal fuoco e lasciate intiepidire. Friggete le pettole a cucchiaiate in abbondante olio caldo. Via via che sono pronte, sgocciolatele su carta da cucina. Quando sono tutte pronte sistematele su un piatto di portata e colatevi sopra tutta la salsa di cioccolato. Servite subito. Vino consigliato: Ottimo per i dessert a base di cioccolato è il rosso Aleatico di Puglia o il vellutato Moscato di Trani.
Vai alla ricetta
Papai biancu  Difficoltà:   Facile
Sciogliete l’amido con il latte freddo e poi aggiungetevi lo zucchero e la scorza di limone grattugiata, mettete sul fuoco a fiamma bassa e girate con una spatola di legno continuamente finché comincia ad addensare. Aggiungete 2 cucchiai di acqua di fiori di arancia e continuate a cuocere finché avrà raggiunto la consistenza di una crema. Versate il composto caldo in stampini individuali da cremecaramel inumiditi con acqua fredda. Battete gli stampini sul tavolo per pareggiare il composto. Lasciateli raffreddare poi metteteli in frigorifero per almeno 3 ore. Affettate le pesche sciroppate e usatele per coprire 4 piattini da dessert. Capovolgetevi sopra il papai biancu e decorate la superficie con la macedonia sgocciolata. Servite fresco. Vino consigliato: Un Moscato di Sardegna, spumante dal gusto leggero e profumato, o il Girò di Cagliari, liquoroso morbido e profumato.
Vai alla ricetta
Torta di riso  Difficoltà:   Media
Mettete il latte sul fuoco con lo zucchero e quando sta per bollire aggiungetevi il riso e cuocete mescolando finché il riso avrà assorbito tutto il latte. Lasciatelo raffreddare poi amalgamatevi le uova, la vanillina, la scorza di limone grattugiata, i canditi misti tagliuzzati, i pinoli, i pistacchi e 40 g di burro a temperatura ambiente. Mescolate bene, imburrate una tortiera tonda con i bordi alti e versatevi il composto. Cuocete in forno già caldo a 180° per circa mezz’ora. Lasciatela raffreddare prima di capovolgerla su un piatto e servirla a fette. Vino consigliato: Con dolci a base di canditi e frutta secca è particolarmente indicato il Vin Santo dal sapore dolce e vellutato
Vai alla ricetta

Pagina 1 di 2
2017-12-16 01:29:29
Elite Pet è il tuo supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici. Ti offriamo una vasta scelta di prodotti food ed accessori destinati ai tuoi animali perché ci prendiamo cura delle tue esigenze e quelle di chi ti sta a cuore. In un ambiente comodo e familiare ti sentirai coccolato, guidato e informato ...
Il ristorante Elite è un luogo accogliente che propone diversi menu a base di carne, pesce e pizza, dove poter trascorrere del tempo per un pranzo di lavoro oppure con la famiglia. Il ristorante dispone di una terrazza estiva e di un’ampia sala per eventi utile per cene aziendali, battesimi, comunioni, cresime e matrimoni.
Il Grand Hotel Elite, un Hotel tre stelle di categoria superiore, si compone di 2 suites, 65 camere insonorizzate, realizzate nel piú delicato stile classico, dove passato, presente e futuro sono armoniosamente uniti a delineare l'eleganza e la sobrietá della struttura, immersa nella quiete di un luogo distante dal frastuono della cittá. Molti anni ...
Il caffè Elite nasce nel Gennaio del 2007 in via Appia Nuova al n.486. Non è possibile raccontare la storia di questo locale, peraltro piuttosto breve, senza riallacciarsi a quella della Super Elite, azienda madre che ha al suo attivo una trentina di supermercati tutti ubicati nella Capitale. La ricerca del servizio accurato, della ...