Deodoranti questi sconosciuti 

Istruzioni contro il cattivo odore


Scegliere il deodorante giusto non è impresa delle più semplici, specialmente da quando questi prodotti d’igiene quotidiana sono stati messi sotto accusa. I principi di funzionamento dei deodoranti sono diversi, vediamoli uno a uno.

 

Antitraspiranti A base di sali di alluminio e zirconio, riducono la sudorazione e sono tra i componenti più discussi perché bloccando il sudore si impedisce l’eliminazione delle tossine e perché possono essere assorbiti.

 

Battericidi Inibiscono la proliferazione dei batteri e sono piuttosto discussi perché possono essere assorbiti, causare allergie e squilibrio della flora batterica. I principali sono triclosan, triclocarban, clorexidina, cetrimonio cloruro.

 

Batteriostatici Alcuni componenti, come l’alcool, limitano la proliferazione batterica ma senza inibirla.

 

Antienzimatici Trietilcitrato e glucarolattone bloccano gli enzimi che deteriorano il sudore. Spesso associati a sostanze antiossidanti, sono tra i principi più nuovi e meno aggressivi.

 

Assorbenti Hanno la funzione di assorbire la parte volatile del sudore evitando la formazione del cattivo odore. Sono i derivati dello zinco, magnesio e calcio.

 

ISTRUZIONI PER L’USO
Anche se le voci più allarmanti sono state ridimensionate, meglio usare qualche cautela come evitare di deodorarsi per 24 ore dopo la depilazione: la pelle irritata o ferita potrebbe, infatti, assorbire più del normale. Prima di applicare il deodorante è bene pulire la parte con sola acqua: anche il sapone irrita.

 

LA PAROLA AL SENOLOGO

Alcune delle voci più allarmanti sui deodoranti riguardano una presunta correlazione tra il loro uso e il tumore al seno. Relazione mai del tutto provata e da alcuni studi esclusa. Il dottor Carlo Tondini del reparto oncologico dell’unità senologica degli Ospedali Riuniti di Bergamo è decisamente tranquillizzante: “in realtà non c’è un collegamento diretto tra ascella e mammella, se una sostanza viene assorbita, influisce su tutti gli organi non solo sul seno. Inoltre non mi risultano studi scientifici che indichino una relazione tra tumori e uso di deodoranti e, a livello clinico, non ne abbiamo evidenza”.

 

LA GENESI DEL CATTIVO ODORE
Per scegliere un deodorante è importante capire come nasce il cattivo odore. Il sudore in effetti è pressoché inodore, prodotto da ghiandole eccrine, apocrine e sebacee è indispensabile. Attraverso il sudore si realizzano, infatti, due importanti funzioni: l’eliminazione di trossine e la termoregolazione. Il cattivo odore invece dipende dall’azione dei batteri soprofiti, normalmente presenti sulla pelle in gran numero, specie nelle pieghe caldo umide, come quelle delle dita dei peidi o delle ascelle. Questi batteri che hanno anche il ruolo di contrastare la proliferazione di batteri nocivi, dispongono di enzimi che digeriscono il sudore conferendogli il tipico odore.

Condividi




Potrebbe interessarti anche
Elite Pet è il tuo supermercato di quartiere completamente dedicato agli animali domestici. Ti offriamo una vasta scelta di prodotti food ed accessori destinati ai tuoi animali perché ci prendiamo ...
Il ristorante Elite è un luogo accogliente che propone diversi menu a base di carne, pesce e pizza, dove poter trascorrere del tempo per un pranzo di lavoro oppure con ...
Il Grand Hotel Elite, un Hotel tre stelle di categoria superiore, si compone di 2 suites, 65 camere insonorizzate, realizzate nel piú delicato stile classico, dove passato, presente e futuro ...